venerdì 21 gennaio 2011

Cowash...il mistero



Su youtube ne parlano tutti e spopolano tutorial più o meno casalinghi. E' un argomento molto dibattuto sui beauty-blog e nei forum beauty. I parrucchieri si dividono sulla questione tra detrattori e favorevoli.
Sto parlando del cowash (letteralmente conditioner only wash). Si tratta di un sistema che permette di lavare i capelli senza stressarli con prodotti aggressivi. Per un cowash fatto come si deve occorre meno di quanto si possa pensare:
- un balsamo privo di siliconi (quindi niente ingredienti terminanti in -methicone -siloxane -silanol e niente dymethiconol),
- zucchero di canna,
- zucchero bianco.

E' un lavaggio indicato soprattutto a chi lava spesso i capelli, poichè evita di stressare la cute con i tensioattivi degli shapoo. Lo zucchero funge da scrub pulendo e sgrassando perfettamente e naturalmente la cute senza aggredirla lasciando i capelli morbidissimi.
Lo sgrassamento forsennato del cuoio capelluto induce a una produzione maggiore di sebo il quale porta a sua volta una sensazione di unto e di “sporco” che esige di essere lavato… e così via in un circolo vizioso che non dona bellezza e salute ma, a causa di shampoo con formulazione troppo aggressive, porta a ritrovarsi con capelli sfibrati, secchi, cuti troppo grasse e tutta una serie di disagi che ci fanno pensare che solo lavando quasi tutti i giorni i capelli possiamo averli belli e sani. A questo va aggiunto che gli shapoo tradizionali contengono siliconi che, da quanto leggo in giro, sono responsabili della "cattiva salute dei capelli"...all'apparenza li rendono belli e lucenti ma, appunto, è solo apparenza.

Ma cosa sono i siliconi?
Si tratta di un antistatico che, una volta applicato il prodotto che li contiene, si trasforma in una sorta di guaina che avvolge il capello isolandolo dagli agenti atmosferici. I siliconi agiscono in particolar modo contro l'umidità e sono spesso presenti nei prodotti anticrespo. Danno quindi l'impressione che il capello sia più bello, lucido e in salute. Tuttavia l'effetto è ahimè illusorio: i siliconi infatti attirano lo sporco, avvolgono il capello e non lo fanno respirare. In più queste sostanze non sono biodegradabili e restano nell'ambiente ad inquinare mari e fiumi. La soluzione che molte ragazze hanno adottato è stata quella di utilizzare shampoo naturali e alternare al loro uso il cowash.

Ecco qui di seguito i nomi di alcuni balsami senza siliconi, in modo da poterli reperire facilmente:
•Splend’Or al cocco: prodotto assolutamente anonimo, di solito relegato nei ripiani bassi perchè poco noto e considerato di bassa qualità. Il prezzo oscilla fra i 99 cent e 1.30.
•Garnier Ultra Dolce al latte vegetale
•Garnier Ultra Dolce all’hennè e aceto di more
•Garnier Ultra Dolce alla vaniglia

Bene, io ho i capelli parecchio grassi...e sono così a prescindere dall'uso o meno di prodotti con siliconi, visto che quelli di mia mamma sono esattamente uguali (e in gioventù ha passato un periodo "solo prodotti naturali")...stesso discorso per quelli dio mio padre e di mia sorella. Sta di fatto che ho deciso di provare questo cowash in nome del motto: "tanto male non fa".
Il procedimento che ho seguito è stato quello descritto da Donatella.
Ho riempito un bicchiere di carata, fino a metà (avendo i capelli che mi arrivano fino a mezza schiena), con il balsamo Garnier Ultra Dolce all’hennè e aceto di more e vi ho unito due cucchiai di zucchero bianco e due di zucchero di canna. Ho bagnato i capelli con l'acqua, vi ho applicato la miscela precedentemente ottenuta e ho massaggiato per bene per 10 minuti. Per finire ho risciacquato il tutto.
Nonostante fossi molto ben predisposta nei confronti di questa modalità di lavaggio, appena finito di lavare i capelli li ho sentiti pesanti. Mi sono detta: "vabbè...sarà così...vediamo dopo averli phonati". Ma una volta asciutti i capelli non erano per nulla puliti...erano esattamente come prima del trattamento: unti.
Non mi sono scoraggiata e ho riprovato diverse volte, cambiando qualche piccolo particolare:
- ho usato la stessa quantità di balsamo (mezzo bicchiere) ma con un solo cucchiaio di zucchero bianco e uno di zucchero di canna. Uguale risultato.
- ho dimezzato tutte le dosi. Uguale risultato.
- ho lasciato il prodotto in posa massaggiando a fondo per 5 minuti. Uguale risultato.
- ho lasciato il prodotto in posa massaggiando a fondo per 15 minuti. Uguale risultato.
- mi sono assicurata di risciacquare benissimo il prodotto. Uguale risultato.
- ho cambiato balsamo, usando lo Splend’Or al cocco. Uguale risultato (con in più il fatto che l'odore di questo balsamo proprio non mi piace e quindi l'ho ceduto a una mia amica affetta da cocco-mania)
- ho lasciato asciugare i capelli all'aria (pensavo che non servisse a nulla ma volevo provarle tutte). Uguale risultato.

Ragazze le ho provate davvero tutte ma, non so per quale motivo, il cowash con me non ottiene i risultati che promette. Sono più due mesi che ci provo ma ogni volta il risultato è lo stesso: capelli sporchi, pesanti, grassi. Come non averli mai puliti.
Ritorno ai miei shampoo classici. Sono rimasta delusissima :( soprattutto perchè ero convintissima di ottenere ottimi risultati.

* tutte le immagini sono tratte da Google immagini

5 commenti:

Lolly ha detto...

Veramente interessante....chissà se riuscirò mai a farne uno come si deve!

LaDamaBianca ha detto...

Se non hai avuto i risultati sperati lascia perdere, non è detto che un metodo che per molte può esser buono, lo debba poi diventare per tutte. Io non ho mai neppure cominciato, preferisco uno shampoo leggero.

Lara ha detto...

Ciao carissima...Se ti avanzano cosine al profumo di cocco chiama anche me, sono disponibile a prendere i tuoi scarti "coccosi" ^.^ A parte gli scherzi, hai provato con gli shampoo della palmolive? Perché anche io avevo lo stesso problema, capelli grassi che si sporcavano già il giorno dopo il lavaggio...una tortura! Però con questi shampoo ho risolto il problema. Prova magari ti risolvono il problema anche a te, costano talmente poco (intorno ad 1Euro).
Un bacione
Lara

TheMorgana1985 ha detto...

@Lara grazie 1000 del consiglio. Li proverò sicuramente...per ora gli unici che funzionano un po' meglio sono quello dell'antica erboristeria all'ortica e quello garnier all'argilla e anice.

D.♥ ha detto...

io confermo che quelli della palmolive seccano molto, io non ho i capelli grassi quindi non li posso usare, in compenso con me il co-wash lava bene, funziona :)

Posta un commento

Disclaimer

Il blog http://mekemeup-themorgana1985.blogspot.com/ (da qui in avanti "MakeMeUp") non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 I contenuti dei commenti dei lettori rappresentano il punto di vista degli autori degli stessi e l'autrice di MakeMeUp non se ne assume la responsabilità. L'autrice del blog si riserva di rimuovere senza preavviso, e a suo insindacabile giudizio, commenti: che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti politici, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d'età che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti che comunichino utilizzando messaggi in codice che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo che siano "off-topic" o comunque non correlati all'argomento principale del post Alcune delle immagini presenti sul blog sono tratte da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Qualunque problema inerente eventuali diritti d'autore non riconosciuti può essere segnalato all'autore che si rende disponibile per eventuali rettifiche e cancellazioni. Tutti i prodotti citati su MakeMeUp sono stati acquistati personalmente dall’autore o ricevuti in regalo da amici e parenti. In caso contrario, i prodotti ricevuti gratuitamente dalle aziende saranno chiaramente ed esplicitamente segnalati come omaggi. Tutte le opinioni, pareri e giudizi espressi sul blog riflettono il personale punto di vista dell’autore. L’autrice di MakeMeUp non è responsabile dell’accuratezza, completezza, e correttezza delle informazioni rese disponibili sul blog e per qualsivoglia conseguenza derivante dall’utilizzo di suddette informazioni. Pertanto l’autore non è responsabile dei danni dovuti a errori, incompletezza, mancanza di attualità delle informazioni fornite, possibili incomprensioni delle stesse e/o dei danni dovuti a un utilizzo improprio e scorretto dei prodotti citati nel blog. E' possibile contattare l'autrice di questo blog per informazioni, richieste, rettifiche e quant'altro all'indirizzo e-mail: TheMorgana1985@gmail.com
Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Grants For Single Moms